HAPPY HOUR di Ferruccio Parazzoli

Happy hour di Ferruccio Parazzoli si apre con la descrizione di un classico sabato pomeriggio in una brulicante via di Milano, Corso Buenos Aires, dove tutti accorrono per festeggiare l’ora felice. Il clima è come al solito sereno e rilassato, ma la verità è molto diversa; la maggioranza di quelle stesse persone non sa cosa farà l’indomani per campare: la crisi, bestia ingorda che viene da lontano, incombe minacciosa.

Protagonista del romanzo è Mario, cinquantenne separato e insegnante all’Università Cattolica di letteratura francese. L’uomo narra in prima persona di alcuni fatti drammatici che scuotono la città.

La storia è dinamica, scritta molto bene. L’autore è bravo nei dialoghi, soprattutto quelli tra la studentessa Mara e Mario. D’ispirazione, i rimandi a Shakespeare e soprattutto quelli a Camus e all’opera La peste; sempre brillanti le considerazioni di Mario, arguto testimone dei tragici avvenimenti che stanno flagellando Milano, e raccoglitore di notizie rese pubbliche dai giornali. Inesorabilmente cinico e ricco di contraddizioni, si interroga sulla situazione collettiva, simile a un morbo, che sta causando un numero considerevole di decessi.

Con sagacia e una punta di ironia, Parazzoli presenta in maniera originale e intrigante, una serie di problematiche attuali che occupano i pensieri di molta gente. Dalla velata critica ai mass media, e in particolare alla tv, definita “la matrigna solerte di tutte le disgrazie, tutte le piange e tutte le dimentica” ,  fino a farsi portavoce di un malessere sociale che circola come un venticello, a portare una sofferenza acuta e sorda.

Tra giri per Milano, chiacchiere letterarie, e considerazioni sulla condizione umana, questo romanzo si pone come un’interessante momento di riflessione, ma anche di piacevole intrattenimento.

ultimo logo 1

 

happy-hour1

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Collana: La Scala
Anno edizione: 2020
Formato: Tascabile
In commercio dal: 14 gennaio 2020
Pagine: 208 p., Brossura

2 pensieri riguardo “HAPPY HOUR di Ferruccio Parazzoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...