RISORGERE di Paolo Pecere

RISORGERE di Paolo Pecere è un libro che mi ha sorpresa piacevolmente con le sue pagine fitte di avventura, viaggi, antiche tradizioni, e storia. A trent’anni dai fatti tragici avvenuti nella piazza centrale di Pechino, l’autore propone una riflessione su quei terribili giorni della storia cinese, e sull’avvenire dell’Europa, che sembra stagnare non oltre il Novecento.

Di seguito, una sintesi della trama che ho elaborato per voi.

Marco e Gloria si trovano a migliaia di chilometri da casa, in Himalaya, per cercare il padre di lei, Chen. Le guide che li hanno condotti fin là li hanno abbandonati rassicurandoli che in giornata sarebbero arrivati a fondo valle. In realtà dopo molte ore, ancora arrancano,risorgere impegnati a salvarsi, distrutti, affamati e con le ginocchia instabili. Basta un passo falso, che Gloria inciampa, cade e va giù, scomparendo alla vista, inghiottita da un crepaccio. Chen, ha saputo dei due ragazzi italiani che lo stanno cercando, e decide di scomparire con la complicità di Liu Liang, giornalista astuto ed egoista, che si occupa di mandarli fuori strada, sui monti dell’Himalaya. Ex  leader del 23 maggio, Chen è passato dalla piazza di Tienanmen, a fare l’imprenditore in Etiopia, per poi tornare in Cina, investire in terreni, diventare ricco e convertirsi al buddhismo, sempre assecondato dal fedele e innamorato Liu Liang, che lo segue anche nel suo nuovo entusiasmo per il “regresso, che chiama profondità”. Il romanzo alterna paragrafi nei quali Marco racconta in prima persona di sé e di come ha conosciuto Gloria, a quelli in cui Liang riporta il suo incontro con Chen, e la sua infanzia. Liang è una figura chiave, particolare, sfuggevole all’interpretazione. La parentesi dedicata alla sua famiglia e alla formazione culturale, aiuta a comprendere meglio le sue scelte. Un’educazione rigida e ristretta la sua, nonostante la quale sceglie di interessarsi alla letteratura immorale e metafisica. Liang e Chen sono legati da un nodo da sciogliere che si portano dietro dall’infanzia. Si tratta della sorte del padre del loro amico Mou Song, e di sua sorella. La scoperta nell’estate dell’87 di alcuni documenti da parte di Chen, porta alla luce una storia di inaudibile violenza e crudeltà che mi ha fortemente impressionata. La trama è davvero ricca, i temi trattati spaziano dall’ossessione amorosa alla politica, dal viaggio materiale, a quello considerato nell’accezione più vasta di percorso spirituale, alla ricerca delle proprie radici e della libertà.

l’ambientazione e le tradizioni, vengono descritte e rese al lettore in maniera vivida e ardente; grande è la capacità di immersione in una diversa sensibilità, in un’altra cultura, in remoti costumi, che denotano studio e preparazione. La scrittura è elegante, pastosa, sofisticata. L’autore lavora di intuito psicologico e d’immaginazione dentro i personaggi, spiegandoli e spiegando attraverso di essi le cose. Nel finale, una lettera commuovente di Gloria a Liang e un pizzico di suspense.

ultimo logo 1

 

risorgere

Editore: Chiarelettere
Collana: Narrazioni
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 21 novembre 2019
Pagine: 312 p., Brossura

 

7 pensieri riguardo “RISORGERE di Paolo Pecere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...