LA VITA TRAGICOMICA di Gabriele Giuliani

la vita tragicomica

 

Situazioni grottesche e personaggi assolutamente atipici sono gli ingredienti principali del libro intitolato LA VITA TRAGICOMICA 9788893432504_0_221_0_75 di Gabriele Giuliani, pubblicato da AUGH! nella collana frecce. L’atmosfera del romanzo si scalda fin da subito con il primo racconto intitolato LA SIGNORA GASTARDELLI, nel quale gli abitanti di un piccolo paese si trovano ad assistere loro malgrado all’incredibile passaggio da un funerale a una festa e poi a due funerali, con la conseguente comparsa di sentimenti contrastanti a generare  confusione e un certo senso di stizza… Nella storia successiva, GIANGIA’ DETTO IL CALMO, si racconta di un orfano cresciuto dalle Orsoline in un convento. Di indole mite e tranquilla e restio alla ribellione, Giangià è il perfetto capro espiatorio di tutti, e accetta il suo destino con rassegnazione e un semplice: già già. Vive in un mondo tutto suo, aspettando che tutto finisca o che la gente smetta di accanirsi contro di lui.  Ne LA BUCCIA DI MANDARINO, un uomo cede alle lusinghe della pubblicità in tv. Pagherà cara la sua scelta!

Una carrellata di personaggi inconsueti e situazioni bizzarre al limite del surreale. Una lettura che mi ha fatto ridere amaramente, come nel racconto GIANGIA’ DETTO IL CALMO,la vita tragicomica oppure spalancare gli occhi per la sorpresa. La storia che ho preferito in assoluto è stata UN UOMO QUALUNQUE, nella quale si racconta di come anche l’esistenza di un uomo mediocre, senza particolari abilità e semplicemente nella media, può attraversare un istante cruciale nel quale riveste un ruolo determinante per cambiare il corso di certi eventi. Il protagonista è un uomo qualunque, una persona la cui vita è stata fondamentale solo per compiere in una dato momento una scelta, fondamentale perché si mantenessero certi equilibri. Emerge dalle righe una concezione teleologica, che tende a individuare un destino, un sottile filo invisibile che conduce al compimento di una finalità già prestabilita.

Le storie sono interessanti, come quella del signor Cantì, che una mattina si sveglia e legge sul giornale il proprio necrologio. La scrittura è piacevole; la trama si sviluppa veloce e talvolta perde consistenza. Echi di celebri novelle rimandano alla formazione letteraria dell’autore e ne definiscono lo stile.

Visioni conturbanti si alternano al racconto di desideri ordinari e un tantino bislacchi, come per esempio, il tarlo fisso di uno dei protagonisti di mangiare una succosa bistecca, oppure la pigra immagine evocata da una pubblicità in tv, a generare il bisogno improvviso di comprare dei mandarini, che con la loro buccia dal colore caldo e rassicurante, scaldano l’immaginazione e l’atmosfera di un altrimenti freddo e monotono inverno. Ambientazioni quotidiane, quasi scontate, si distorcono  per destabilizzare, creare un punto di rottura e rimandare i bagliori sfaccettati dei molti riflessi dell’anima umana. Così è, La vita tragicomica.

 

ultimo logo 1

 

 

 

 

9788893432504_0_221_0_75.jpg

Editore: Augh!
Collana: Frecce
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 22 maggio 2019
Pagine: 130 p., Brossura
Annunci

2 pensieri riguardo “LA VITA TRAGICOMICA di Gabriele Giuliani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...