LA DONNA DI PICCHE di Remo Bassini

Con la lettura di questa settimana, LA DONNA DI PICCHE di Remo Bassini, sono rientrata a gamba tesa nel genere thriller, dopo due letture piuttosto impegnative. Di seguito la trama che ho sintetizzato per voi e il mio punto di vista.

Micaela è un’ispettrice di polizia, affidabile e riservata sul lavoro. Non dà confidenza a nessuno La donna di picche – Fanucci Editoree nella pausa pranzo è solita leggere un libro. Ha smesso da tempo di sognare, non vede nessun principe azzurro nel suo futuro e il sogno di scrivere un romanzo lo ha abbandonato da tempo. Micaela ha circa cinquant’anni e i capelli corti e grigi. Di notte le capita spesso di fare lo stesso sogno, che non si può raccontare. Un giorno, di notte, il campanello del citofono risuona rompendo il silenzio, svegliandola di colpo. Di sotto c’è Pietro Dallavita, un poliziotto stanco e tormentato, fiore all’occhiello della questura di Torino, con il quale in passato ha avuto una frequentazione che non è sfociata però in una relazione. Apre euforica e senza nessuna esitazione…

La donna di picche è un libro dalla trama incalzante, caratterizzato dall’alternanza dei punti di vista dei vari protagonisti che si avvicendano nella narrazione e danno vita ad una lettura poliedrica e multi-sfaccettata. Il libro si apre con il racconto in prima persona dell’ispettrice Micaela, la quale successivamente lascia spazio a Lucilla Malerba e così via a fasi La donna di picchealterne.  Ho apprezzato lo stile fresco e dinamico con il quale l’autore illustra le vicende e soprattutto le descrizioni fisiche e caratteriali sempre puntuali e appropriate.

Punto focale del libro è l’indagine che si svolge intorno alla misteriosa morte della mamma di Lucilla, l’avvocatessa cinquantaduenne Eleonora Paganica Malerba, trovata morta davanti alla chiesa dove si recava a pregare; un’esecuzione cruenta, con tre colpi di pistola esplosi in faccia. Sull’uccisione della donna, la polizia ha lavorato per mesi senza arrivare a nulla. Restano solo la ricostruzione a tavolino dell’omicidio, qualche domanda insoluta, e alcuni reperti di futura, possibile utilità, nel caso si arrivasse a individuare un possibile indiziato. Le indagini vengono affidate a Dallavita che ha avuto modo di conoscere Lucilla in passato ed è informato su dettagli della sua vita che potrebbero rivelarsi importanti… Quello che emerge prepotente è che sebbene Eleonora si facesse chiamare Malerba, tutti sapevano che era una Paganica, un cognome importante a Vercelli in quanto il padre è una persona molto influente, tanto influente da imporre l’organizzazione di una task force per scoprire chi si cela dietro all’omicidio. Un delitto davvero cruento, un’ esecuzione in piena regola, che solleva domande e genera incertezza; sullo sfondo, la passione di Micaela per Dallavita.

La donna di picche è un romanzo piacevole, da leggere tutto d’un fiato, sempre scorrevole e soprattutto i personaggi sono presentati così bene che quasi mi è sembrato di conoscerli da sempre. Molto intrigante la descrizione della scena nella quale Dallavita e Micaela sono in macchina;  sullo sfondo una canzone di Susanna Parigi e loro due che si parlano a pochi centimetri dalle labbra, per sfuggire a una probabile microspia, cellulare spia o microfono unidirezionale. Lui che le sussurra “Non voglio perderti” e lei, spaccata in due tra la rabbia e la contentezza che gli mormora di rimando domande sull’indagine in corso. Un gioco pericoloso, le loro labbra sono così vicine…

Un giallo torbido, ambientato tra Torino e Vercelli, una trama che ruota attorno ad una famiglia potente e ai suoi segreti, un’indagine che si dimostra difficile da condurre a causa della reticenza di molti. La nebbia imperversa su tutto, assoluta, bisognerebbe interrogare tutta Vercelli, ma la coltre di reticenza, come la nebbia, avvolge la città. Una lettura interessante con un finale da brivido!

ultimo logo 1

 

 

 

 

 

 

La donna di picche – Fanucci Editore

Genere:Thriller e noir
Collana:Nero Italiano
Anno:2019
Pagine:208
Marchio editoriale: Fanucci Editore
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...